Val Trebbia

in
Turismo Enogastronomico

L’itinerario enogastronomico prosegue in Val Luretta, passando dal suggestivo castello di Momeliano immerso nei vigneti, per arrivare in Val Trebbia, dove è consigliata una sosta all’imponente borgo fortificato di Rivalta per una visita al Castello che domina la riva sinistra del fiume Trebbia.

Risalendo la valle si arriva in Alta Val Trebbia, ai confini con la Liguria, con i suoi paesaggi appenninici di rara bellezza, le acque del fiume e le spettacolari anse di San Salvatore, ambienti ideali per praticare canyoning, kayak ed escursionismo.

Nella zona vicino a Mezzano Scotti si possono seguire piacevoli passeggiate fino alla “Pietra Parcellara”, montagna di origine dolomitica che può essere raggiunta facilmente attraverso un percorso segnalato, per giungere poi fino alla “Pietra Perduca” dove si erge una tipica chiesetta del 1400 dedicata a S. Anna.

Si prosegue poi per Bobbio, il cui simbolo è il Ponte Vecchio, detto anche Gobbo (o del Diavolo), di origine romana e dalla inconfondibile sagoma irregolare delle sue undici campate. Si continua verso il paese di Coli, che si sviluppa in una conca ai piedi del Monte S.Agostino, ad oltre 600 metri di altitudine in posizione panoramica e soleggiata, immerso nella natura tra il verde delle pinete e i boschi di castagni, dove ci si può addentrare nel Parco Avventura Val Trebbia per percorsi acrobatici sospesi su alberi.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *